Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

Messina e lo Stretto sono una cosa sola. Lo Stretto è incontro di mari che si fanno fiume; di alti monti e lagune che stringono un mare ribollente tra gorghi, impossibile da imbrig

A contrastare le insulse proposte di non ricostruire più la città vi fu, da parte dei superstiti, una ferrea volontà di non abbandonare Messina. Certo le reazioni furono svariate;

A trarne vantaggi è l’intera città. I traffici del porto aumentano notevolmente, Messina diventa lo snodo principale di tutte le arterie isolane, nel suo porto si convogliano le me

Il 27 luglio 1860 finisce l’incubo borbonico con l’entrata in città del Generale Giuseppe Garibaldi ma solo nel marzo 1861 si riesce ad espugnare la Cittadella in mano ai Borboni f

I vari governi che seguono negli anni a venire, i Sabaudi, gli Austriaci, i Borboni non riescono a risollevare la città. Ad onor del vero Vittorio Amedeo di Savoia aveva cercato pi

Ad arrestare l’espansione della città ci pensarono, in maniera crudele e sordida, gli Spagnoli. Il trattato di Nimega aveva assegnato Messina a questi ultimi piuttosto che ai Franc

Segue un periodo splendido per Messina. Inizia una frenetica attività edilizia in cui la città acquista un più spiccato assetto urbano. In questi anni sorgono la via Austria che co

In seguito il governo dell’isola venne affidato ai vicerè. Risalgono a questo periodo squallide manovre di predominio tra Palermo e Messina; superfluo sottolineare come da queste l

La dominazione angioina vide Messina inizialmente non aderire alle richieste di Palermo che per prima si era ribellata col famoso Vespro (1282); in seguito anche la città dello Str

La venuta dei Normanni, richiesta dagli stessi Messinesi riportò in auge la città. In questo periodo venne edificato il Palazzo Reale, l’Arsenale, l’illustre monastero basiliano di

Con il passaggio dell’impero a Bisanzio operato da Costantino, Messina fu governata da magistrati locali detti Stratigoti. A questo periodo si fa risalire una tradizione locale che

La prima distruzione totale della città avvenne nel 396 a.C. ad opera dei cartaginesi di Imilcone. La nuova Messina nacque nello stesso anno grazie a Dionigi di Siracusa che ripopo

Certo fin dalla preistoria il porto falcato ha esercitato una forte attrattiva per chi vi si avvicinava. In nessun altro punto della costa esiste un approdo altrettanto sicuro. Se

Top