Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

Assegno maternità

Il Comune può concedere un contributo di maternità nel limite massimo pari a cinque mensilità.
La richiesta può essere presentata dalla madre (o dal tutore solo quando quest’ultima è interdetta e in casi particolari dal padre), cittadina italiana, comunitaria o cittadini di paesi terzi titolari dello status di:
-cittadino rifugiato politico, i suoi familiari e superstiti;
-cittadino apolide, i suoi familiari e superstiti;
-cittadini titolare di protezione sussidiaria;
-cittadino che abbia soggiornato legalmente in almeno due stati membri, i suoi familiari e superstiti;
-cittadino familiare di cittadini italiani, dell’Unione o di cittadini soggiornanti di lungo periodo non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
-cittadino titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
-cittadino/lavoratore del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia, e i suoi familiari;
-cittadino titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro e i suoi familiari, ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal D.lgs. 40/2014.

Il richiedente deve essere residente nel territorio comunale ed in possesso dei seguenti requisiti:
-nascita di un figlio o adozione o affidamento preadottivo;
-possesso di risorse economiche non superiori al valore dell’I.S.E.E. ,così come indicato dalla vigente normativa e il cui limite viene annualmente fissato in base alle variazioni dell’indice ISTAT;
-non essere beneficiarie di trattamenti previdenziali di maternità a carico dell’INPS o di altro Ente previdenziale. Nel caso in cui il richiedente risulti titolare di un trattamento previdenziale di maternità di importo inferiore a quello spettante per legge, può richiede la quota differenziale.

L’istanza deve essere presentata negli appositi moduli forniti dal Dipartimento Politiche Sociali o dai Caaf convenzionati, entro e non oltre, pena esclusione, il termine di SEI mesi dalla data di nascita o di entrata in famiglia del minore. Alla stessa andranno allegati:
1)Attestazione ISEE completa di Dichiarazione Sostitutiva Unica;
2)Fotocopia di un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità,
3)Fotocopia di un documento dimostrativo del codice Iban.

Fonte normativa:
Art.66 della Legge 448/98
D.M. 21/12/2000 n. 452

Allegati

Top