Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

Comunicati stampa di martedì 13 febbraio 2018

N° 170 • 13 febbraio 2018
VISITA DEL PREMIER GENTILONI: LA VIABILITA’ IN PROGRAMMA
In occasione della visita del presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni in programma giovedì 15, nelle arterie limitrofe il Teatro Vittorio Emanuele luogo dell’incontro, saranno disposte limitazioni viabili. Pertanto dalle 9 alle 20, vigerà il divieto di sosta con rimozione coatta sul lato est della carreggiata di via Garibaldi, tra largo San Giacomo e viale Boccetta; in entrambi i lati di via San Camillo, tra le vie Garibaldi e Gasparro; di via Argentieri,tra le vie San Camillo e Cavalieri della Stella; di via Gasparro, tra le vie Cavalieri delle Stella e Pozzoleone e delle vie Pozzoleone, Casalaina ed Aspa. Dalle 14 alle 20, verrà inoltre istituito il divieto di transito su entrambe le carreggiate di via Garibaldi, tra Corso Cavour e viale Boccetta; mentre i veicoli provenienti dalla carreggiata ovest in direzione nord-sud, sempre in via Garibaldi, proseguiranno la marcia verso sud impegnando il Corso Cavour. Il transito sarà vietato anche, in via San Camillo, tra le vie Garibaldi e Gasparro; in via Argentieri, tra le vie San Camillo e Cavalieri della Stella; in via Gasparro, tra le vie Cavalieri della Stella e Pozzoleone; infine nelle vie Pozzoleone, Casalaina ed Aspa. Dalle 14 alle 20 previsto il collocamento di transenne in entrambi le carreggiate di via Garibaldi in intersezione con largo San Giacomo e viale Boccetta; nella carreggiata ovest di via Garibaldi all’incrocio con il Corso Cavour; in via Consolato del Mare ad intersezione con via Garibaldi; in via San Camillo all’incrocio con le vie Garibaldi e Gasparro; in via Argentieri all’intersezione con via Cavalieri della Stella; in via Pozzoleone in corrispondenza alle intersezioni con la via Garibaldi e Corso Cavour; in via Aspa all’incrocio con via Garibaldi e Corso Cavour e in via Santa Maria La Porta in accordo con via Garibaldi.
N° 169 • 13 febbraio 2018
ALZHEIMER: UNA GUIDA PER LE FAMIGLIE A CURA DEL TAVOLO COMUNALE
È stata pubblicata la “Guida per le famiglie” a cura dell’ARIAD, associazione onlus per il supporto e la ricerca sull’Alzheimer e le demenze, sotto la guida del Generale Antonio Alecci. L’opuscolo nasce grazie alle sinergie createsi al tavolo tematico interistituzionale sull’Alzheimer, attivato dal 2015 dall’assessorato alle Politiche Sociali, in linea con la mission di dare voce ai cittadini e di far convergere le istanze delle famiglie con le attività e l’offerta di servizi da parte delle istituzioni sanitarie e socioassistenziali. Il Tavolo rappresenta uno strumento di autodeterminazione delle famiglie, per ascoltare e accogliere le necessità dei pazienti e dei loro caregivers, che hanno modo di condividere le problematiche connesse alla gestione di una patologia che colpisce le persone e i loro sistemi familiari. Al tavolo istituzionale siedono il Comune con i Servizi Sociali preposti, l’Azienda Sanitaria con i servizi territoriali dedicati, le Aziende ospedaliere cittadine, l’IRCSS Neurolesi, l’Ordine dei Medici e le Associazioni di famiglie. “La famiglia – sottolinea l’assessora Nina Santisi – è il cardine dell’assistenza alle persone colpite da demenza. Sono le famiglie ad assumersi la responsabilità e la cura dei loro cari, ma anche le famiglie hanno bisogno di aiuto e sostegno pratico, emotivo e finanziario. Sostenere la famiglia è fondamentale per affrontare la sfida dell’Alzheimer e della demenza”. La guida vuole essere un supporto che orienti nel complesso iter di cura e sostegno che l’Alzheimer e le demenze comportano, con informazioni anche sull’offerta cittadina.
N° 168 • 13 febbraio 2018
OGGI L’AVVIO DI UNA NUOVA SESSIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Oggi, martedì 13, alle ore 13, il Consiglio comunale si riunisce per l’avvio di una nuova sessione consiliare. I lavori d’Aula comprendono trentaquattro proposte deliberative, quindici interrogazioni e sei ordini del giorno. Tra i provvedimenti da discutere figurano il regolamento per l’uso condiviso dei beni comuni della città di Messina e dei beni sottoposti al principio di sussidiarietà civica; il regolamento attuativo per il bilancio partecipativo – partecipazione attiva dei cittadini ai processi decisionali dell’ente locale; il conferimento della cittadinanza onoraria al Rettore Maggiore dei Salesiani, Angel Fernandez Artime; il regolamento comunale per l’autorizzazione all’installazione e all’esercizio di impianti per radiotelecomunicazioni; il regolamento comunale per l’esecuzione di interventi nel sottosuolo stradale di proprietà o di uso pubblico; l’approvazione del regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani e periurbani a coltivazione biologica; i bilanci consuntivi degli esercizi finanziari 2013, quello rimodulato del 2014 e di previsione degli esercizi finanziari 2013 e 2014 dell’ATM; il regolamento per il verde urbano di Messina; il regolamento comunale attuativo della normativa per il riconoscimento dell’albergo diffuso; la variante parziale di tutela ambientale al vigente P.R.G. della città di Messina; e la proposta di regolamento per l’esercizio dell’arte di strada nel Comune di Messina. Alcune delle quindici interrogazioni interessano riduzioni ed esenzioni Tari 2016; fondi Pac per il potenziamento degli asili nido; regolamentazione attività guide turistiche; viadotto di collegamento Giostra Annunziata; condizioni di sicurezza e funzionalità della scuola Albino Luciani; e modifica viabilità via Catania. I sei ordini del giorno sono il potenziamento di strutture diurne e l’apertura di centri diurni; l’autorizzazione alla celebrazione di matrimonio di rito civile fuori dalla casa comunale; la mozione per il bando delle armi nucleari (approvata dal Consiglio regionale Anci Sicilia nella seduta del 17 luglio 2017); la salvaguardia della lingua dialettale messinese, altrimenti detta parlata messinese ed azioni per la sua conoscenza e diffusione tra le giovani generazioni; la richiesta di riconoscimento nella Regione Siciliana della Giornata della Macchia Mediterranea in Sicilia; e l’atto di indirizzo per il contrasto alla povertà educativa.
N° 167 • 13 febbraio 2018
A GIOSTRA DIVIETO DI COLTIVAZIONE E VENDITA DI FAVE E PISELLI PER UN CASO DI FAVISMO
In esecuzione all’Ordinanza sindacale n. 17 del 12 febbraio 2018, gli agenti della Polizia municipale vigileranno sul rispetto del divieto di coltivazione di leguminose fresche (fave e piselli) per un raggio di 300 metri dall’Istituto superiore Antonello di viale Giostra e la vendita in forma ambulante per un raggio di 150 metri, per l’intero periodo di frequenza di uno studente della scuola affetto da favismo. E’ inoltre prevista l’estirpazione e la distruzione delle piantagioni di leguminose già sviluppate eventualmente presenti. La vendita di leguminose fresche, preconfezionate in sacchetti sigillati, nel raggio di 150 metri dalla struttura scolastica, può essere effettuata solo a condizione che nell’esercizio commerciale, anche ambulante, sia esposto, bene in vista, un cartello che segnali, al cittadino a rischio di crisi emolitica da favismo, la presenza nel locale di leguminose fresche. Nei confronti dei contravventori è prevista la denuncia all’Autorità giudiziaria ai sensi dell’art. 650 del Codice Penale. Il dipartimento Ambiente e Sanità provvederà ad affiggere la segnalazione di divieto di coltivazione di leguminose fresche (fave e piselli). Si ricorda che per gli esercizi cittadini, che commercializzano fave e piselli freschi, è obbligatorio apporre bene in vista ed all’ingresso idonei cartelli che riportino in modo visibile, chiaro e leggibile, la dicitura “Attenzione zona rischio di crisi emolitica da favismo, derivante dalla vendita di leguminose fresche (fave e piselli) sfuse”, come previsto dal provvedimento sindacale n. 59 del 23 marzo 2012. Contro la disposizione sindacale è possibile opporre ricorso al TAR di Catania entro 60 giorni dalla notifica o in alternativa l’opposizione straordinaria al Presidente della Regione entro 120 giorni dalla notifica.

Top