Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

Il Progetto di Educazione Stradale e alla Legalità

Il Progetto di Educazione Stradale per l’anno scolastico 2017/2018 avrà inizio a 26 ottobre 2017 e vedrà coinvolte 19 scuole dell’infanzia, 48 scuole primarie, 13 scuole secondarie di 1° grado, 4 scuole secondarie di 2° grado, per un totale di 84 scuole di ogni ordine e grado e di circa 12.000 studenti complessivi, così come stabilito dall’art. 230 C.d.S.
Il Progetto, curato dal Corpo di Polizia Municipale di Messina, vede la luce nel 1995, così come stabilito dall’art. 230 C.d.S. e successive Circolari Ministeriali e integrazioni. È rivolto fondamentalmente, ma non esclusivamente, alle scuole dell’Infanzia, primarie e secondarie inferiori.
A ogni scuola aderente al Progetto esteso viene garantito un incontro quindicinale o trisettimanale, con lezioni che vanno dalle ore 8.00 alle ore 13.00, in giornata scelta dall’istruttore di P.M.; nei limiti del possibile tenendo conto delle necessità interne alle scuole.
Allo scopo di soddisfare le crescenti richieste, è stata sperimentata, inoltre, una versione ridotta del Progetto, strutturata in “moduli tematici”, per alcune delle scuole partecipanti.
Alle sole scuole secondarie superiori sono dedicati, altresì, degli incontri personalizzati concordati con il Dirigente Scolastico e l’insegnante referente per l’Educazione Stradale e/o alla convivenza civile, di solito con classi quinte e in numero non superiore a tre.

Il Progetto ha quale finalità la conoscenza dei principi della sicurezza stradale, con particolare attenzione all’uso del velocipede, alla definizione delle strade, all’illustrazione della relativa segnaletica, alle norme generali per la condotta dei veicoli (uso del ciclomotore, casco, cinture di sicurezza, e sistemi di ritenuta), oltre alle regole di comportamento degli utenti con riferimento alle nuove normative. Saranno inoltre integrate lezioni frontali sulle problematiche giovanili attinenti l’uso dell’alcool e delle sostanze stupefacenti (droghe e psicofarmaci).
Per le scuole secondarie di 1° e 2° grado, ove richiesto, alcune lezioni saranno dedicate alla maggiore acquisizione delle norme per il conseguimento della patente “AM”. Tali obiettivi saranno raggiunti anche con il supporto di materiale audiovisivo e CD multimediali che integreranno le lezioni.
Nel corso dell’anno, gli studenti potranno inoltre effettuare attività motoria con apprendimento dei segnali manuali dell’Agente di Polizia Municipale, direzione del traffico, visite guidate per la conoscenza del territorio, del rispetto dell’ambiente e delle Istituzioni civili e militari.
Durante lo svolgimento dell’anno scolastico, in alcuni Istituti sono introdotti, anche con Enti e Istituzioni con cui il Corpo ha stipulato protocollo d’Intesa, temi mirati alla valorizzazione e al recupero del territorio, al primo soccorso e al possibile coinvolgimento delle famiglie. Per le scuole dell’infanzia e primarie è prevista, a rotazione, una simulazione di traffico viabile su strada.
Il progetto dovrà essere concretizzato mediante un percorso didattico concordato con gli insegnanti referenti di ogni singola scuola. Ogni scuola dovrà mettere a disposizione locali e attrezzature adeguate a un proficuo svolgimento del progetto. Inoltre, all’inizio degli incontri, nella 1a settimana di novembre, la scuola dovrà fornire all’istruttore un calendario, su carta intestata della scuola, ove siano elencati gli incontri e le classi incontrate. Ogni scuola dovrà tenere conto come data di termine degli incontri la 2a settimana di maggio, calcolando inoltre un’interruzione tra il 15 e il 30 marzo per ragioni di servizio degli istruttori P. M., inoltre gli istruttori suddetti potranno, per ragioni di servizio, modificare parzialmente, di concerto con l’insegnante referente, tale calendario. Qualora vi fossero attività che si sovrapponessero alle date previste per gli incontri, le insegnanti referenti devono comunicare in tempo utile agli istruttori tali variazioni.
In tutte le scuole si cercherà di garantire la continuità didattica mantenendo, nei limiti del buon andamento del servizio, lo stesso istruttore e, per le scuole già inserite nel progetto, la precedenza nell’inserimento nel palinsesto annuale. La scuola dovrà fare pervenire formale richiesta (vedi box allegato) entro e non oltre il mese di giugno dell’anno scolastico precedente.
Sotto la direzione del Responsabile di Sezione, il coordinatore del Progetto Isp. C. TOMASELLO Giuseppe, per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, si avvarrà della collaborazione degli Ispettori Capo, MUSCARA’ Antonio, RAGAZZI Rosalba, OLIVA Rosella e TOSCANO Annamaria.

PROSPETTO LEZIONI EDUCAZIONE STRADALE – Vedi allegato

N. B. In classi particolarmente “ricettive” (Ve primarie, IIIe secondarie di 1° grado, secondarie di 2° grado) sono previsti incontri su: elementi di diritto (1° incontro), materiale esplodente (incontro pre-natalizio), alimentazione, regole per l’estate, tutela del minore, diritti e doveri del minore, influenza della pubblicità, salvaguardia dell’ambiente e motori alternativi, minori e internet.
Il corso si avvarrà di materiale multimediale, incontri con Enti ed Istituzioni, nonché simulazioni di circolazione e momenti di aggregazione sul territorio.
N.B. Se in determinate lezioni si trovassero degli argomenti di specifico interesse e/o particolarmente sentite dai discenti, si apporteranno le opportune modifiche.
N.B.Qualora vi fossero attività che si sovrapponessero alle date previste per gli incontri, le insegnanti referenti devono comunicare in tempo utile agli istruttori tali variazioni.

In allegato Fac-simile Modulo adesione progetto educazione stradale

Allegati

Top