Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

FILARMONICA LAUDAMO: LES ELÈMENTS ”I FIATI NEL BAROCCO” DOMENICA 23 AL PALACULTURA

Domenica 23, alle ore 18, appuntamento al Palacultura con la musica antica dell’ensemble “Les Eléments” in un concerto dal titolo “I fiati nel barocco”, con Piero Cartosio, flauto diritto, traversiere, Alessandro Nasello flauto diritto, fagotto, Giannalisa Arena clavicembalo, Maurizio Salemi violoncelllo, e con le musiche di Johann Joachim Quantz, Georg Philipp Telemann, Johann Friedrich Fasch. Fra i compositori in programma, Quantz è il virtuoso di musiche per flauto, Fasch è il più prolifico per strumenti ad ancia e Telemann, fra i più importanti del barocco, che ha lasciato delle pagine tra le più significative, dedicate a flauti diritti e traversi e ai fiati in generale. Quello di domenica è il terzo e conclusivo concerto del percorso triennale con Piero Cartosio, uno dei nostri principali esponenti di musica antica, che si è formato sotto la guida dei migliori docenti europei di flauto dolce: Edgar Hunt, Ferdinand Conrad, Kees Boeke e, per il flauto traverso, Angelo Faja. Cartosio ha approfondito lo studio della musica antica presso lo “Sweelinck Conservatorium” di Amsterdam, ottenendo il diploma solistico “Uitvoerend Musicus”. E’ stato vincitore del II premio assoluto ex-aequo (I premio non assegnato) al I Concorso Nazionale di Flauto Dolce “Città di Viareggio”. Nella sua attività concertistica e nelle incisioni ha collaborato con Rinaldo Alessandrini, Alfredo Bernardini, Gabriel Garrido, Roberto Gini, Andreas Staier. Negli ultimi anni è impegnato con “Les Eléments”, formazione ad organico variabile da lui fondata e guidata. Ha seguito stages di perfezionamento di flauto traversiere con Wilbert Hazelzet e Marc Hantaï e con questo strumento ha registrato un CD dedicato alle Suites per flauto e continuo di Antoine Dornel, pubblicato dall’etichetta Bongiovanni. Attualmente è docente di ruolo di flauto dolce e di musica da camera vocale e strumentale al Conservatorio “V. Bellini” di Palermo.

Top