Logo Comune
Città di
Messina
Città metropolitana di Messina
  • Seguici su:

IMPLEMENTAZIONE PIANO SOCIALE DI ZONA 2013-2015: IERI A PALAZZO ZANCA PRIMA CONFERENZA DI SERVIZI

Ieri, mercoledì 29, nella Sala Falcone Borsellino di Palazzo Zanca, si è svolta la prima Conferenza di servizi, finalizzata all’implementazione delle azioni del Piano sociale di zona 2013-2015, finanziato con le risorse della legge 328/2000, a cui si sono aggiunti ulteriori 1.979.660,43 euro. Coerentemente con quanto previsto dalle “Linee guida per l’integrazione”, emanate dall’assessorato regionale, con deliberazione di Giunta del 29 settembre 2016, l’Amministrazione comunale, tramite l’assessorato alle Politiche Sociali e il competente dipartimento, ha avviato le procedure con riunioni del gruppo Piano, esitate in due proposte che sono state presentate alla città. Il gruppo piano, composto da rappresentanti dell’ente locale, università, azienda sanitaria, servizio sociale del tribunale minorenni, UEPE, ufficio scolastico, inail, associazionismo, cooperazione e sindacati, ha lavorato intensamente nella logica dell’implementazione di servizi già individuati dai tavoli tematici, poi esitati nel Piano di zona della triennalità 2013-2015, come richiamato dalle linee guida regionali. La prima conferenza è stata molto partecipata con la presenza attiva, accanto al gruppo piano, della società civile con rappresentanti dell’associazionismo, del volontariato e della cooperazione sociale. L’assessora alle Politiche Sociali, Nina Santisi, ha descritto il lavoro del gruppo Piano e ha presentato le due macroaree di servizio individuate: il “servizio di educativa domiciliare”, che si è rivelato il più gradito ai beneficiari e alle diverse istanze presenti nel Gruppo Piano che hanno fatto parte della Rete del servizio e che si rivolgerà anche al rafforzamento delle competenze genitoriali attraverso una presa in carico globale della famiglia ed il “servizio di trasporto sociale delle persone con disabilità” che si caratterizzerà per la flessibilità e la personalizzazione rispetto a quello già erogato e finanziato con risorse del bilancio comunale, specificatamente rivolto verso i centri occupazionali e riabilitativi. Il servizio andrebbe a coprire esigenze evolutive diverse e, soprattutto, bisogni situazionali di trasporto, rivolti più alla socializzazione e al tempo libero. La presentazione del Piano sociale di zona 2013-2015 ha dato vita ad un intenso e proficuo confronto, da cui sono emersi elementi innovativi di riflessione. Durante l’incontro si è fatto il punto anche sulla pianificazione passata e futura, finanziata con il Fondo per le politiche sociali. Il passaggio successivo sarà l’elaborazione definitiva delle schede progettuali, con i relativi piani finanziari, che verranno presentati nella seconda Conferenza dei servizi prevista all’inizio della prossima settimana. La Santisi ha ringraziato per la viva partecipazione alla conferenza e per la forza e la qualità dei contributi offerti dai partecipanti.

Top